16 febbraio 2019

.
La rassegna stampa di
Venerdì 13 Febbraio 2009

Accertamento delle imposte e dei redditi

Un secondo Gerico per il 2008 se i correttivi saranno insufficienti

Il Sole 24 Ore del 13 febbraio 2009, pag. 25
di An. Cr.

Non sarà sufficiente un solo Gerico per il 2008 anche se questa soluzione non riguarderà tutti i soggetti. Il dato è emerso da un incontro di ieri tra il direttore dell'Agenzia delle Entrate Befera con i rappresentanti delle associazioni di categoria degli artigiani e commercianti. Una particolare attenzione è stata anche rivolta alla questione della marginalità in quanto si troveranno in questa situazione molti operatori per effetto della crisi economica. I vertici delle entrate hanno assicurato che se dopo la presentazione dei modelli di dichiarazione relativi al 2008 dovesse emergere l'insufficienza dell'intervento saranno effettuati ulteriori modifiche entro il 2010. Per la concreta realizzazione dei correttivi le associazioni di categoria si sono impegnate a contribuire alla raccolta dei dati possibile in questi giorni tramite i questionari pubblicati sul sito della Sose. Dovrebbero quindi essere meglio definite in futuro le caratteristiche dei soggetti che rientrano nel concetto di marginalità, per fornire elementi di chiarezza sia agli uffici delle Entrate, sia ai contribuenti.


■ Leggi l'articolo ■


Imposte sui redditi – Reddito d'impresa

Il saldo attivo non segue il ribasso delle sostitutive

Il Sole 24 Ore del 13 febbraio 2009, pag. 27
di Dario Deotto

La riduzione delle imposte sostitutive per la rivalutazione degli immobili disposta dal decreto legge n. 5/2009 non è stata accompagnata da un analogo intervento in relazione al saldo attivo da rivalutazione. Infatti il decreto ha previsto la riduzione al 3 per cento dell'imposta sostitutiva per la rivalutazione degli immobili ammortizzabili e all'1,5 per cento l'onere tributario per gli immobili non ammortizzabili. Invece è rimasta ferma la rilevanza fiscale della rivalutazione con decorrenza dal quinto periodo d'imposta successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione stessa è stata eseguita (di solito il 2013). Invece l'imposta che deve essere assolta se si intende ottenere l'affrancamento del saldo è rimasta fissata al 10 per cento. In questo caso, una volta assolto il predetto tributo, la distribuzione del saldo affrancato non determina alcun effetto fiscale in termini di maggiore imposizione. Invece i soci sono tenuti ad assolvere le imposte secondo le regole ordinarie applicabili alle distribuzioni di utili ad eccezione dei soci di società di persone o soci di società di capitali trasparenti. Tutti questi effetti non dovrebbero invece realizzarsi nel caso in cui la rivalutazione sia solo civilistica senza ottenere il riconoscimento fiscale dei maggiori valori rivalutati



Imposte indirette - Iva

Non tutte le attività escluse consentono le detrazioni Iva

Il Sole 24 Ore del 13 febbraio 2009, pag. 27
di Renato Portale

Non è possibile detrarre l'Iva relativa all'acquisto di beni e servizi che si riferiscono ad operazioni escluse dal campo di applicazione del tributo, se queste operazioni rientrano nell'attività ordinaria svolta dal contribuente. Il principio è stato affermato dalla Corte di Giustizia Ue con la causa C- 515/07. La controversia riguardava una società olandese, che operava nei Paesi Bassi e l'Amministrazione finanziaria locale.



Imposte sui redditi – Irpef

In salvo gli acquisti già effettuati

Il Sole 24 Ore del 13 febbraio 2009, pag. 27
di Marco Peruzzi

I nuovi incentivi ai consumi riguarderanno le autovetture, le moto, i mobili gli elettrodomestici, le Tv ed i Pc acquistati a partire dal 7 febbraio scorso fino al 31 dicembre di quest'anno. La data di avvio dei benefici è una delle precisazioni inserite in extremis rispetto al testo esaminato dal Consiglio dei ministri il 6 febbraio scorso. Non si tratta, però, dell'unica novità. Infatti è stata prevista l'esclusione dai benefici dei frigoriferi e dei congelatori il cui acquisto è già agevolato ai sensi dell'art. 1, comma 353 della L. n. 296/2007 (Finanziaria del 2007). E' stato poi reintrodotto il bonus aggregazioni, ma in questo caso il beneficio non riguarderà solo le piccole e medie imprese, cioè con un numero di dipendenti non superiore a 250 unità, ma viene esteso a tutte le imprese. Il valore massimo dell'aggregazione non è più pari a 10 milioni di euro, ma è stato ridotto a cinque milioni di euro.

 
LA RASSEGNA STAMPA
Venerdì 13 Febbraio
Giovedì 12 Febbraio
Mercoledì 11 Febbraio
L'Articolo del giorno
LE NOVITA'
Consulta
gli ultimi documenti pubblicati in banca dati
IN EDICOLA
Professionista24
Il corso multimediale del Sole 24 ORE per gestire ed organizzare in modo efficiente le attività dello studio professionale.
IN LIBRERIA
Summa
reddito d'impresa 2009
L'opera esamina con accuratezza la disciplina del reddito d'impresa, con un'ampia sezione dedicata all'approfondimento delle operazioni straordinarie.


Scrivi alla Redazione de "La Banca Dati del Commercialista"

Informazioni sulla newsletter


Per cancellare la tua iscrizione scrivi a: listserv@news.ilsole24ore.com inserendo nel corpo del messaggio la parola SIGNOFF BDBDC (evitare l'uso delle virgolette).

Gestisci la tua sottoscrizione

Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo prodotto editoriale hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi.
La riproduzione, la comunicazione al pubblico, la messa a disposizione del pubblico, il noleggio e il prestito, la pubblica esecuzione e la diffusione senza l'autorizzazione del titolare dei diritti è vietata.
Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dagli art. 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della legge 633/1941.

Diffusione a cura dell'Editore solo attraverso Internet.
Copyright © Il Sole 24 ORE S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati